LEGGE STABILITA’. DE PAOLIS (SEL): NON SIA COLPITO CHI FA MENO SPRECHI E PIU’ SERVIZI

“Nel Lazio si è cambiato verso, con una spending review che in 18 mesi ha consentito di tagliare sprechi e aumentare servizi. Una credibilità ricostruita con fatica e nella disillusione generalizzata verso questa istituzione passata alla cronaca come
quella degli scandali e delle ruberie, che ancora oggi inchieste e trasmissioni televisive pongono alla nostra attenzione e che hanno

Continua a leggere

LEGGE STABILITA’. TORRICELLI (SEL): RENZI POPULISTA, A PAGARE SARANNO I CITTADINI. RENZI FARA’ I CONTI CON OPPOSIZIONE POLITICA E SOCIALE, A PARTIRE DAL 25 OTTOBRE

“Una manovra da 36 miliardi, grandi annunci di riduzione tasse e il solito contro altare della realtà: a pagare il conto saranno comunque i cittadini con un aggravio molto probabile delle tasse che gli enti locali saranno costretti ad aumentare. 
In particolare quando Renzi annuncia la riduzione importante dell’Irap, tanto voluta da Confindustria, dimentica di dire che quella è una tassa regionale che

Continua a leggere

[Sguardi dall'Europa] VOTO DEL PARLAMENTO INGLESE A FAVORE DEL RICONOSCIMENTO DELLO STATO PALESTINESE

Supporters of Palestine demand vote for Palestine

The Independent,

Oliver Wright

Lunedi 13 ottobre 2014

Traduzione a cura di Michela Onofri 

Il parlamento britannico stasera ha compiuto lo storico passo di votare unilateralmente l’appoggio al riconoscimento dello stato palestinese.

Votato da 274 contro 12, una larga maggioranza dei membri del parlamento di tutti gli schieramenti ha sollecitato il governo “al riconoscimento dello stato palestinese con quello di Israele” come parte della “soluzione negoziata del conflitto basato sulla coesistenza dei due stati”.

Sebbene simbolico, il sostegno a questa mozione  segna una svolta significativa nel

Continua a leggere

OPERA. DE PAOLIS (SEL): MOZIONE SEL ANCHE IN REGIONE PER BLOCCO LICENZIAMENTI

“Presentiamo una mozione identica a quella sostenuta da Sel in Campidoglio anche in Consiglio regionale per chiedere di bloccare e ritirare tutti i licenziamenti dell’orchestra e del coro del Teatro dell’Opera. Quello che è avvenuto è quasi un simbolo di un paese che rinuncia alla propria storia, alle proprie eccellenze e fa carta straccia della concertazione con i sindacali che rappresenta invece un valore fondante della nostra democrazia. Ci uniamo quindi alla richiesta di aprire immediatamente, sotto la diretta supervisione di Roma Capitale e della Regione Lazio, un tavolo aziendale di trattativa con le rappresentanze sindacali dei lavoratori. Anche alla Regione Lazio noi abbiamo presentato la nostra Mozione ma auspichiamo che vi sia da altre forze politiche la volontà di discutere e quindi condividere un testo che l’intero consiglio possa approvare”.

Così, in una nota, Gino De Paolis, capogruppo Sel Regione Lazio.